Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
22 novembre 2011 2 22 /11 /novembre /2011 15:58

2540979778_93349df244.jpg

 

Il fatto

 

E' stata presentata a Bruxelles la campagna per la proclamazione del 2013, anno europeo contro lo sprecoLa campagna "Lotta allo spreco" è nata a Bologna nel 2010: quest'anno è incentrata sullo spreco dell'acqua e nel 2012 sullo spreco di energia.

Il progetto, partito dall'Italia, avrà come relatore l'europarlamentare Pd  Caronna. 

L'obiettivo, che, sotto forma di Risoluzione, sarà votato a Bruxelles in seduta plenaria il 23 novembre, è quello di ridurre del 50% lo spreco idrico e agroalimentare entro il 2025.

Il dossier è accompagnato dal "Libro blu 2011".

Il consumo medio giornaliero di acqua potabile è di 213 litri pro capite in Italia, di 600 litri in USA, ma di solo 20 litri nei Paesi in via di sviluppo (PVS).

Le cause dello spreco nella produzione agroalimentare non sono sempre le stesse. Suddividendo la catena che porta dalla produzione al consumo in 5 fasi - produzione agricola, gestione, stoccaggio, trattamento, distribuzione e consumo - si nota che nei paesi in via di sviluppo lo spreco si concentra nelle prime fasi, mentre, nei paesi industrializzati, nelle ultime 2 fasi, a causa soprattutto della sovrabbondanza del cibo distribuito.

In particolare la FAO ha messo in luce che gli Europei e i Nordamericani  sprecano all'anno tra i 95 e i 115 di cibo a testa a fronte dei 6/11 kg dell'Africa sub sahariana.

 

Il commento

 

Non so darne una dimostrazione: ma ho l'impressione che tutto questo abbia a che fare in qualche modo con la crisi economico-finanziaria che stiamo attraversando.

Se, come affermano gli indignati d'America, l'1% della popolazione detiene e continuerà a detenere  il 99% della ricchezza della terra, la nostra specie riuscirà a durare per molto tempo?

Condividi post

Repost 0
Published by diogene - in Attualità
scrivi un commento

commenti

rado watches 12/23/2011 08:58

Alle Arten von Leben, alle Arten von Menschen

Naly 11/23/2011 13:18

rispondo al tuo commento: nn credo che dopo tutto ciò che abbiamo fatto alla natura sarà possibile che non ci si ritorca contro e poi anche io penso che la crisi influenzi queste iniziative che
dovevano essere fatte almeno 20-30 anni fa!