Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
8 novembre 2011 2 08 /11 /novembre /2011 12:24

    3140889621_afe04e57be.jpg

Il fatto

A Follonica un condominio di venti famiglie è riuscito non solo a non pagare la bolletta relativamente a riscaldamento, refrigerazione estiva e illuminazione esterna, ma è riuscito anche a guadagnare nel primo anno e mezzo di esistenza 17000 euro, cioé 850 euro a famiglia.

Come hanno fatto? Sostanzialmente le nuove costruzioni sfruttano l'energia geotermica a bassa entalpia e l'energia solare. In pratica le case sono dotate di sonde del diametro massimo di 15 centimetri che arrivano alla profondità 100-150 metri, dove la Terra mantiene sempre la stessa temperatura, mediamente maggiore di qualche grado rispetto alla temperatura della superficie ( è noto che più si va nella profondità terrestre e maggiore è la temperatura). Con delle pompe il calore viene riportato su d'inverno, mentre d'estate succede il contrario. Le "pompe di calore" sono alimentate in gran parte con l'energia prodotta da un impianto fotovoltaico collocato sul tetto dell'edificio. Materiali e tecniche di costruzione speciali permettono una minima dispersione di temperatura all'esterno.

Il guadagno è stato ottenuto immettendo nella rete energetica nazionale l'eccesso di energia rispetto ai fabbisogni del condominio. A conti fatti il condominio ha speso 4000 euro per l'energia consumata per riscaldarsi e refrigerarsi ma ha incassato 21000 euro vendendo il surplus di energia prodotta con un guadagno netto 17000 euro!

 

Fonte "corriere.it"

 

Il commento

 

Sembra tutto troppo facile e bello! Allora sorge spontanea la domanda: perchè nella costruzione delle nuove case non si sfruttano questi principi fisici per risparmiare energia?

Qualcuno di voi saprebbe rispondermi? Io una risposta ipotetica ce l'avrei. Ma non voglio anticiparla per non influenzare le vostre. Mi piacerebbe che qualcuno commentasse.

 

 

Condividi post

Repost 0

commenti