Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
9 maggio 2014 5 09 /05 /maggio /2014 11:55

A Gennaro De Tommaso, detto “Genny a carogna”, hanno dato il Daspo per altri 5 anni. Certo non si tratta di uno “stinco di santo”. Questo è il terzo Daspo che gli viene comminato. Inoltre la scritta sulla sua maglietta e alcuni suoi precedenti  penali  non depongono a suo favore. Lo definirei  un ”contestatore ruspante del sistema ”.  Eppure se, come tutti hanno potuto vedere, sabato, allo stadio Olimpico, non fosse intervenuto lui a calmare i tifosi del Napoli, pronti ad invadere il campo, non si sa come sarebbe andata a finire.  genny.jpg

Ma cosa è successo quel giorno, prima e dopo la trattativa di cui il nostro Genny è stato protagonista?

I cosiddetti tifosi del Napoli, arrivati nel pomeriggio a Roma, vengono fatti confluire  a Tor di Quinto,  dove vengono accolti da altri “tifosi” della Roma, non certo per un saluto di benvenuto. Inizia l’assalto ai napoletani che reagiscono.

Durante questa “reazione”,  non improntata certo al “bon ton”,  avviene di tutto fino al grave ferimento, causato da un proiettile, di Ciro Esposito. I tutori dell’ordine, a quanto pare in forze limitate, possono fare poco per  evitare il contatto tra le tifoserie. Anzi bisogna ringraziare il carabiniere rimasto anonimo che telefona al 113 per sollecitare l’arrivo di un’ambulanza che soccorresse Ciro.

Il resto è noto, ma questo ennesimo episodio di violenza “sportiva” mi fa sorgere alcune domande.

Perché l’Italia non è riuscita ancora a risolvere il problema delle violenze prima, durante e dopo le partite di calcio?

Perché occorre, senza grandi risultati, in occasione delle partite, spendere energie considerevoli, anche economiche, per tentare di arginare questi fenomeni ?

Perché si permette alle società calcistiche di avere rapporti con il tifo organizzato violento, ovvero gli ultras?

Perché il sabato e la domenica, nonostante i controlli, negli stadi si vedono petardi, bombe carta, e quant’altro?

Procedere al Daspo contro Genny, all’arresto di Ciro (sic!), alla squalifica dei campi, intervenire in parlamento per dire che non c’è stata trattativa, è come  “chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati”

E’ come intervenire dopo che i fiumi sono esondati, dopo che le navi sono affondate o arrestare i parlamentari e i faccendieri dopo che hanno rubato.

E pensarci prima? Non c’è rimasto  troppo tempo.

E non credo che tutto questo dipenda dell’euro!

Condividi post

Repost 0

commenti