Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
26 ottobre 2011 3 26 /10 /ottobre /2011 12:01

Il fatto
 

Siamo a ottobre e, come ogni anno succede alle prime piogge autunnali, crollano ponti, case e muoiono persone. E' successo a Roma pochi giorni fa e in LIguria ieri.

A Pompei è crollato un muro di contenimento, costruito in epoca moderna, che serviva a salvaguardare l'area archeologica, per fortuna senza provocare vittime.

Le autorità da una parte rassicurano: "....era un muro moderno...nessun danno alle strutture antiche della città vesuviana...". Dall'altra chiedono lo "stato di calamità".

Purtroppo sono facilmente prevedibili ulteriori disagi e danni per il maltempo, nei prossimi giorni o mesi o anni, in altre parti dell'Italia del nord o del sud (sotto questo aspetto non c'è molta differenza tra le due parti del Paese). Spero di sbagliarmi.


Intanto oggi il nostro governo dovrebbe scrivere una lettera d'intenti che servirà a rassicurare l'Europa (soprattutto Germania e Francia) sul necessario e, ormai, improcrastinabile risanamento dell'enorme debito dello Stato italiano.

 

 

Il commento


Ho fatto degli accostamenti tra argomenti distanti ... Ma sono veramente così distanti?

Quando impareremo a prevenire i disastri? quando provvederemo a mettere in sicurezza il nostro territorio? quando smettermo di costruire ai margini di fiumi e torrenti? quando la finiremo coi condoni edilizi e fiscali? quando ridurremo con misure strutturali il debito pubblico?  quando ci occuperemo dei beni paesaggistici, archeologici, ambientali, finanziari dell'Italia? In una parola, quando ci interesseremo veramente della "res publica"?

Condividi post

Repost 0

commenti

Ludovica 10/26/2011 21:04


Verissimo, queste "calamità", che in realtà sarebbero semplici variazioni climatiche, assumono nel nostro Paese sempre una connotazione negativa a causa dell'inadempienza dei nostri dirigenti e
delegati! Come se ne sapesse sempre più l'opinione pubblica di loro! Dove si sbaglia, nel notare o nel non saper prevenire?